Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

In migliaia hanno manifestato pacificamente

Cina: bloccata la costruzione della discarica per le proteste


Cina: bloccata la costruzione della discarica per le proteste
28/07/2012, 12:19

QIDONG (CINA) - La città di Qidong, in Cina, non avrà la discarica inizialmente progettata per scaricare in mare le acque di scarico di una cartiera. Dopo una manifestazione di protesta, alla quale hanno partecipato migliaia di persone, le autorità cinesi hanno infatti deciso di fermare la costruzione della conduttura, attraverso la quale la cartiera, di proprietà di una ditta giapponese, avrebbe riversato in mare le sue acque di scarico. È stato lo stesso sindaco della città ad annunciare la decisione in un discorso trasmesso in diretta televisiva, mentre i dimostranti erano riuniti in piazza. Il sindaco ha detto che il progetto dell’Oji Paper Groupa, che prevedeva la discarica di 150mila tonnellate di acque di scarico al giorno, è stato cancellato in modo definitivo. Da quando il progetto era stato annunciato il governo locale non aveva voluto pubblicare i risultati di indagini sull’impatto ambientale della discarica.  

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©