Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Ennesima dimostrazione della debolezza di Obama

Cina: condannato a 3 anni per avere aiutato i terremotati


Cina: condannato a 3 anni per avere aiutato i terremotati
23/11/2009, 10:11

CINA - Tre anni di reclusione per Huang Qi: questa la sentenza del solito processo illeggittimo e di regime tenutosi in Cina. Il reato di cui Huang Qi è stato accusato è "detenzione illegale di segreti di Stato", un reato che consente di procedere, secondo la legislazione cinese, a porte chiuse e senza tutela legale per l'imputato. Infatti, al processo hanno potuto assistere solo la madre e la sorella di Qi, ma un cordone di poliziotti ha impedito l'accesso a tutti gli altri.
Il realtà il crimine di Huang Qi era il fatto di avere cercato di aiutare due coniugi a trovare i resti del figlio sepolti nelle macerie della loro abitazione rasa al suolo durante il terremoto che nel 2008 rase al suolo la regione cinese dello Sichuan, provocando oltre 100 mila morti. E soprattutto di avere accusato le autorità locali - evidentemente ben ammanigliate con Pechino - di essere corrotte.
Ma c'è anche un altro aspetto di politica internazionale da considerare. Il fatto che il presidente statunitense Barack Obama è appena stato in Cina, e anche in questa occasione ha parlato del fatto che la Cina deve rispettare i diritti umani. Ma questa condanna dimostra
che ormai la sua credibilità è vicina allo zero, oppure che ha parlato in una maniera davanti ai giornalisti occidentali e in maniera diversa davanti alla dirigenza cinese.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©