Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Ideato per motivi politici, si è rivelato una buffonataP

Cina: dopo un anno quasi morto il premio cinese "antiNobel"


Cina: dopo un anno quasi morto il premio cinese 'antiNobel'
30/09/2011, 10:09

PECHINO - Era nato l'anno scorso come "la risposta cinese" alla decisione della commissione per l'assegnazione dei Nobel di dare il premio per la pace al dissidente cinese Liu Xiaobo. Ma probabilmente il premio Confucio non vedrà completarsi la sua seconda edizione. L'anno scorso la prima edizione, organizzata in fretta e furia, vide l'assegnazione del premio (pari a 10 mila euro) a Lien Chan, ex vicepremier di Taiwan molto vicino al governo cinese. Quest'anno sarebbero in lizza: il primo Ministro russo, Vladimir Putin; il fondatore di Microsoft, Bill Gates; la cancelliera tedesca Angela Merkel; il presidente sud africano Zuma; Yuan Longping, uno scienziato cinese noto per essere il padre del 'riso ibrido'; Soong Chu-yu, un politico taiwanese anche lui molto vicino agli interessi della Cina; e l'undicesimo Panchen Lama, voluto da Pechino e bnon riconosciuto dai buddisti.
Ma probabilmente l'assegnazione non avverrà, perchè il Ministro della Cultura ha sospeso il premio, come riferisce la stampa cinese, perchè gli organizzatori del premio "avrebbero compiuto rilevanti violazioni del regolamento". Tradotto in termini semplici, ci sarebbe una lotta a suon di influenze e/o di bustarelle per far emergere più di un candidato. Ed è chiaro che la lotta non è tra Putin e la Merkel: far vincere Longping significherebbe una vittoria per i ministeri scientifici; Chu-yu è una vittoria per il potente Ministero degli Esteri; l'undicesimo Panchen Lama una vittoria per la Difesa e il Ministero degli Interni. Per evitare una lotta interna, probabilmente il premio verrà sospeso e cancellato.

(Nella foto il vincitore dello scorso anno)

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©