Dal mondo / Estremo Oriente

Commenta Stampa

Un rilascio di pressione avrebbe provocato l'esplosione

Cina, esplosione in miniera: 4 morti e ancora 50 dispersi


Cina, esplosione in miniera: 4 morti e ancora 50 dispersi
04/11/2011, 09:11

PECHINO - Un'improvvisa esplosione di rocce in una miniera in Cina ha provocato l'ennesima sciagura mineraria del Paese. Il bilancio provvisorio è di almeno quattro morti accertati.

Come comunicato dall'agenzia di stampa cinese Xinhua, l'incidente si è verificato ieri sera presso Sanmenxia, una città situata nella provincia centrale di Henan. Lì 75 operai stavano lavorando a circa 480 metri di profondità, all'interno di una galleria del giacimento di carbone di Qianqiu, quando, in seguito ad un sisma di magnitudo 2,9 verificatosi ad est di Sanmenxia, si è manifestato un fenomeno piuttosto raro, ma decisamente pericoloso: strati di terra sedimentata, premendo con forza sui muri della miniera, hanno provocato un improvviso e catastrofico rilascio di pressione, che ha innescato l'esplosione e poi il crollo. Le miniere cinesi, dove ogni anno perdono la vita migliaia di lavoratori, sono considerate tra le più pericolose al mondo. Solo lo scorso anno sono morti in Cina 2.433 minatori a causa degli standard di sicurezza piuttosto bassi, che non riescono ad impedire frane, esplosioni ed inondazioni.

Quattordici uomini sono riusciti a risalire da soli in superficie, mentre altri sette sono stati tratti in salvo dai soccorritori. Di questi, sei hanno riportato piccoli traumi, mentre uno è gravemente ferito. Il lavoro per riportare in superficie i minatori è molto intenso. Circa 200 soccorritori sono impegnati nella costruzione di un tunnel che permetta di raggiungere gli altri 50 uomini ancora intrappolati a circa 500 metri di profondità, di cui non si conoscono le condizioni di salute. Tuttavia lo stato strutturale della miniera non è noto e le operazioni di soccorso potrebbero richiedere molto tempo.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©