Dal mondo / Estremo Oriente

Commenta Stampa

In arrivo una nuova ondata di smog

Cina, nuovo allarme rosso per l'inquinamento

La visibilità a Pechino è scesa al di sotto di un chilometro

Cina, nuovo allarme rosso per l'inquinamento
18/12/2015, 11:36

PECHINO (CINA) - Dopo quello dello scorso 7 dicembre, le autorità di Pechino hanno lanciato in Cina un nuovo “allarme rosso” per l’inquinamento. L’Ufficio meteorologico della capitale, infatti, afferma che a partire da oggi è prevista una nuova ondata di smog in tutto il nord del Paese, che non si dissolverà prima di martedì prossimo. Per tale ragione le autorità cinesi hanno disposto una serie di misure anti-inquinamento, tra cui la chiusura o la riduzione dell’orario di lavoro per alcune fabbriche, la restrizione della circolazione di veicoli, la chiusura delle scuole e, addirittura, il divieto di cucinare all’aperto, con dei barbecue.

Gli interventi stabiliti dal governo appaiono necessari dal momento che i dati relativi all’inquinamento sono sconcertanti. La visibilità a Pechino e nelle altre zone interessate da questo fenomeno scenderà a meno di un chilometro e la concentrazione di particelle inquinanti PM2,5 salirà a 500 per metro cubo d’aria, a fronte di un limite massimo di 25 per metro cubo d’aria stabilito dall’Organizzazione mondiale della Sanità. Oltre quella soglia, infatti, pare che si crei pericolo per la salute umana.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©