Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Obbligato a pagare una multa salata per il secondo figlio

Cina, professore si mette in vendita come "schiavo a vita"


Cina, professore si mette in vendita come 'schiavo a vita'
15/09/2010, 14:09

Un professore universitario cinese di 43 anni ha violato la legge sul figlio unico e per far fronte alla multa si è messo in vendita come "schiavo a vita". In cambio ha chiesto 620mila yuan (73mila euro) per poter portare avanti la famiglia.
Si tratta di un docente di legge all'Università di Scienze politiche di Pechino, Yang Zhizhu che per rendere pubblica la sua protesta ha messo la sua foto con il cartello dell'offerta sul suo blog. Il professore con la seconda gravidanza della moglie ha violato la legge sul figlio unico, in vigore da trent'anni nelle città cinesi.
La multa che gli è stata inflitta dal comitato per la pianificazione familiare di Haidian è di 240mila yuan pari a 27mila euro, "imposta sociale" per il mantenimento della bambina. Tantissimi i messaggi di solidarietà per il professore, che ha anche diffuso su internet un video, in cui afferma di aver chiamato la figlia con il nome "Ruonan" e cioè "ama la figlia come ami il figlio" in riferimento allo squilibrio tra sesso maschile e femminile e al notevole numero di aborti causati dalla legge.

Commenta Stampa
di Claudia Peruggini
Riproduzione riservata ©