Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

I soccorritori sono già all'opera

Cina: terremoto nel Tibet, 300 morti e 8000 feriti


Cina: terremoto nel Tibet, 300 morti e 8000 feriti
14/04/2010, 09:04

CINA - Un violento terremoto ha colpito le zone interne della Cina alle 7.49 ora locale (le 0.49 in Italia) devastando diverse città e uccidendo almeno 300 persone. Il terremoto è stato valutato di magnitudo 6,9 della scala Richter, 7,1 secondo le autorità cinesi. Ha colpito la provincia del Quinghai, sull'altopiano del Tibet, vicino la regione dello Sichuan, colpita due anni fa da un altro violentissimo terremoto che provocò 87 mila morti.
Il terremoto, secondo le prime informazioni trasmesse dalla TV cinese, ha polverizzato tutte le abitazioni basse, quelle ad un piano; mentre quelle più grandi per lo più sono rimaste in piedi, anche se più o meno gravemente lesionate. Sempre secondo la TV, finora si conterebbero 300 morti e 8000 feriti, ma si sa che i primi bilanci di queste catastrofi sono sempre sbagliati per difetto, purtroppo. I soccorritori sono già all'opera per salvare le persone finite sotto le macerie, ma per ora sono costretti a scavare a mani nude, dato che non sono ancora disponibili mezzi adeguati, bloccati lungo le strade che sono state danneggiate dal sisma. Sul luogo sono stati mandati anche soldati e volontari, dato che in quel Paese le funzioni della Protezione Civile vengono svolte dall'esercito, al più.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©