Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Elezione scontata, nessuna novità

Cina: Xi Jinping è il nuovo segretario generale del Partito comunista


Cina: Xi Jinping è il nuovo segretario generale del Partito comunista
14/11/2012, 08:57

PECHINO (CINA) - E' un rituale, sempre identico a se stesso e privo di qualsiasi sfaccettatura di interesse. Mi riferisco al congresso del Partito comunista cinese che si è tenuto in questi giorni a Pechino e che ieri ha eletto il nuovo segretario generale, Xi Jinping, al posto dell'uscente Hu Jintao. Una votazione scontata per lui e il suo vice Li Keqiang. 
Poi domani il COngresso eleggerà le 30 persone che compongono il Politburo, il quale a sua volta eleggerà il "comitato permanente", che è il vero organo di potere della Cina. Anche la composizione di quest'ultimo è già nota, con esponenti come Wang Qishan - vicepremier e Ministro dell'economia - e Liu Yunshan, Ministro della Propaganda. 
Il tutto avendo alle spalle gli "anziani" cioè quegli esponenti politici ufficialmente in pensione, ma che in realtà sono coloro che, con i loro accordi, deciodono la composizione del governo e del comitato centrale. Infatti, il governo cinese è un misto di gerontocrazia (dove comandano i più vecchi) e di clientelismo, dato che i ministri possono essere tali solo se hanno stretti rapporti di clientes con gli anziani. Idem gli industriali, che chiudono in 24 ore, se non hanno la protezione politica di qualche ministro.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©