Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Il video postato dalla Ong B'tselem

Cisgiordania: bambino di 5 anni arrestato da 7 soldati israeliani



Il bambino arrestato è quello con la maglietta arancione
Il bambino arrestato è quello con la maglietta arancione
11/07/2013, 19:03

CISGIORDANIA - ANcora una volta i soldati israeliani danno il peggio di sè. Lo dimostra un video, pubblicato dalla Ong israeliana B'tselem, che da anni denuncia le violenze gratuite inflitte da soldati e poliziotti israeliani ad inermi palestinesi. 
Nel video si vede chiaramente un gruppo di sette soldati (se ricordo bene, il basco viola vuol dire che sono paracadutisti, cioè truppe d'elite) che circondano un bambino di 5 anni, "reo" di essere stato indicato come colui che ha lanciato un sasso contro una vettura israeliana. Amici, parenti e conoscenti cercano di fargli scudo ed anche di portare via il bambino, ma i soldati non demordono. E a furia di minacce e pressioni, lo costringono a salire su una jeep. Viene poi portato poco lontano, vicino al padre, che è stato anche lui arrestato (se si può usare questo termine, dato che non c'è un mandato d'arresto nè lui ha fatto niente, è solo colpevole di essere il padre del bambino) ed è seduto su una panchina, con le mani legate e una benda che gli copre tutta la faccia e gli impedisce di vedere. Il bambino è restato in balia dei soldati per oltre due ore, prima di poter tornare a casa. 
Da notare nel video il comportamento dei soldati israeliani che fanno ripetute fotografie al cameraman. Vogliono essere sicuri di catturare la persona giusta, quando quella telecamera sarà spenta?  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©