Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Erano in corso festeggiamenti per Al Fatah

Cisgiordania: palestinese soffocato dai gas lacrimogeni israeliani


Cisgiordania: palestinese soffocato dai gas lacrimogeni israeliani
02/01/2014, 11:42

KADUM (CISGIORDANIA) - Ancora una volta, un episodio dimostra la violenza e la crudeltà dei soldati israeliani, con cui i palestinesi sono costretti a convivere. 
Nei giorni scorsi sono stati effettuati dei festeggiamenti per l'anniversario della nascita di Al Fatah. In uno di questi casi, a Kudum, in Cisgiordania, i militari israeliani hanno deciso di interrompere i festeggiamenti con un fitto lancio di granate lacrimogene, spesso ad altezza d'uomo. Uno dei palestinesi è caduto nel fuggi fuggi generale, inalando troppo gas che fuoriusciva dalle granate che lo circondavano. Ne è rimasto intossicato e, nonostante le cure che gli sono state prestate in ospedale a Nablus, è morto dopo alcuni giorni di agonia: il gas inalato gli aveva danneggiato i polmoni. 
Quelle che per i cristiani sono state feste, per i palestinesi sono stati un funerale dopo l'altro, causato dagli attacchi degli israeliani, che hanno colpito i civili palestinesi con cannoni e bombardamenti aerei, uccidendo diverse persone tra cui una bambina di 4 anni. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©