Dal mondo / America

Commenta Stampa

Ormai ne vengono prodotte quasi 1400 tonnellate l'anno

Colombia: fallito il piano per eliminare la coltivazione della coca


Colombia: fallito il piano per eliminare la coltivazione della coca
20/09/2018, 17:46

BOGOTA' (COLOMBIA) - Sono passati molti anni da quando la Colombia era la patria dei narcos e Pablo Escobar faceva i comodi suoi nel Paese. Ma nonostante questo, resta uno dei maggiori produttori di cocaina nel mondo. Alcuni anni fa il premier Manuel Santos, con l'appoggio e l'assistenza dell'Onu, lanciò una campagna per convincere i contadini a non coltivare più la coca 9in cambio di soldi e di incentivi a produrre altro. Il risultato è stato praticamente inesistente: la superficie coltivata a coca è passata da 140 mila a 170 mila ettari, con una produzione che è a livelli record ed è vicina aile 1400 tonnellate l'anno. E parliamo di sostanza pura: una volta messa sul mercato, si trasforma in migliaia di miliardi di dosi. 

D'altronde il sistema degli incentivi non regge rispetto ad una domanda di cocaina proveniente dagli Usa e dall'Europa che è sempre crescente. E, come insegna l'economia, quando la domanda aumenta, aumentano i margini di guadagno. Anche per i contadini. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©