Dal mondo / America

Commenta Stampa

Il conservatore favorito al moderato Mockus

Colombia, Santos avanti nei sondaggi


Colombia, Santos avanti nei sondaggi
20/06/2010, 21:06

Il conservatore Juan Manuel Santos, è grande favorito nei confronti del 'verdè moderato Antanas Mockus. Al primo turno, lo scorso 20 maggio, il candidato del Partito Sociale di Unità Nazionale aveva ottenuto più del doppio dei voti di Mockus. Al 'balotajè di oggi, il primo è arrivato con il 67% delle intenzioni di voto, contro il 29% del rappresentante del 'Partido Verdè. Più che il risultato elettorale a interessare in queste ore tanti colombiani è stato il casuale intreccio creatosi tra il voto e il calcio. Sia Santos sia Mockus, ma anche Uribe, hanno infatti chiesto ai propri connazionali di rubare un pò di tempo ai mondiali e andare alle urne, visto che al primo turno l'astensionismo ha superato il 50% e oggi questo dato potrebbe addirittura essere superiore: anche per la partita tra la Costa d'Avorio e il Brasile, grande favorita di tanti tifosi in Colombia, assente in Sudafrica. L'altro fattore che spinge a favore dell'astensionismo è di natura strettamente politica, e cioè il grande scarto di Santos nei confronti di Mockus, il leader 'verdè destinato probabilmente a rimanere solo una promessa in vista di prossimi appuntamenti presidenziali. A Bogotà e in altre città del paese oggi è stata d'altra parte una domenica di forte pioggia, altro fattore che ha spinto molta gente a rimanere in casa. Tra il 'futbol' e le condizioni meteo, è stata alla fine l'apatia ad avere la meglio tra molti dei 29,9 milioni di elettori chiamati alle urne. Dopo la valanga di voti al primo turno, Santos è comunque sempre rimasto sulla rampa di lancio per una vittoria che probabilmente sarà un trionfo, a conferma che i colombiani, immersi in una 'guerra civilè (guerriglia, esercito, narcos e paramilitari di destra) che negli ultimi 25 anni ha causato almeno 300.000 morti, propenderanno per la 'sicurezzà proposta dall'ex navigato ministro della difesa di Uribe. In questi ultimi giorni, Santos è poi riuscito ad assicurarsi il sostegno chiave della maggioranza di candidati e partiti rimasti esclusi dal ballottaggio, mentre Mockus non è riuscito a stringere alcuna alleanza significativa. A favore di Santos ha giocato inoltre la liberazione, una settimana fa, di quattro militari rapiti 12 anni fa dai guerriglieri delle Farc. Anche quella di oggi, così come tante altre giornate nel Paese, sono state comunque 24 ore di violenza in più punti del paese: in tre diversi attacchi e operazioni, sono infatti stati uccisi dieci uomini della forza della sicurezza e sei membri delle Farc.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©