Dal mondo / America

Commenta Stampa

Cittadini si ribellano e non vogliono aspettare un dittatore

Colpo di Stato in Bolivia: l'esercito prende il potere, il presidente Morales fugge in Messico


Colpo di Stato in Bolivia: l'esercito prende il potere, il presidente Morales fugge in Messico
12/11/2019, 16:07

SUCRE (BOLICIA) - Il sentore c'era nell'aria già da settimane, da quando Morales ha vinto le elezioni e il suo sfidante ha rifiutato di riconoscere il risultato delle urne. Ed ora siamo alle violenze, con i soldati che sparano sui civili e i civili che si ribellano distruggendo qualsiasi cosa caiti sotto mano. Obiettivo principale sono i palazz9i del governo di La Paz, ma anche tutto ciò che è simbolo di ricchezza. Quella ricchezza che contraddistingue la parte della popolazione boliviana legata agli interessi degli Stati Uniti e che sta dietro  il colpo di Stato portato avanti dlal'esercito. 

Dal canto suo, Morales è riuscito a fuggire in Messico e da lì, via Twitter, ha assicurato i suoi sostenitori che tornerà presto con più forza ed energia, ma che gli dispiace aver dovuto abbandonare il Paese ad un governo incapace di guidarlo. E ha aggiunto: "Per un presidente che rappresenta la gente umile, la polizia si ribella e picchia mentre le Forze Armate chiedono la sua rinuncia; per la classe neoliberale che ostenta potere economico, Polizia e Forze Armate reprimono il popolo che difende la democrazia con giustizia, pace, uguaglianza". 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©