Dal mondo / America

Commenta Stampa

Colpo di Stato in Honduras: Chavez pronto all'invasione


Colpo di Stato in Honduras: Chavez pronto all'invasione
29/06/2009, 09:06

Si alza la temperatura nell'America Centromeridionale, dopo il golpe effettuato ieri in Honduras, che ha portato all'arresto del Presidente Manuel Zelaya e la sua sostituzione ad interim con Roberto Micheletti. Neanche la diffusione di un comunicato nella quale la Corte Suprema honduregna dichiarava che l'esercito aveva agito ai propri ordini e che disponeva di una lettera di dimissioni di Zelaya, ha calmato la situazione. Tanto che nella notte si sono sentiti spari e si sono viste ambulanze muoversi per le strade, nonostante il coprifuoco.
Ma la tensione sale anche per l'azione del presidente venezuelano Hugo Chavez. Infatti Zelaya faceva parte del gruppo dell'Alternativa Boliviana per le Americhe (Alba), organizzazione di cui fa parte anche Chavez. il quale ha dichiarato che invaderà il Paese confinante se dovessero essere sferrati attacchi contro la propria ambasciata in Honduras.
Nel frattempo sia il Presidente statunitense Barack Obama, sia l'Unione Europea, sia l'Organizzazione degli Stati Sudamericani hanno condannato l'accaduto, chiedendo che Zelaya, tuttora trattenuto agli arresti in Costa Rica, venga rimesso al suo posto.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©