Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Ma non ci saranno nè israeliani nè palestinesi

Conferenza indetta dagli Usa per l'accordo tra israeliani e palestinesi


Conferenza indetta dagli Usa per l'accordo tra israeliani e palestinesi
24/06/2019, 14:16

BAHREIN - Inizia domani in Bahrein la conferenza indetta dagli Usa per convincere i Paesi interessati a dare il via a quello che il presidente Donald Trump ha pomposamente chiamato "il piano del secolo" per risolvere la questione tra israeliani e palestinesi. Ma è un accordo destinato a fallire. Innanzitutto perchè non vede la presenza nè di israeliani nè di palestinesi. I primi non sono stati invitati per "non politicizzare" la cosa; i secondo si sono rifiutati di andare perchè l'accordo non risolve il problema. 

E qui veniamo al secondo problema. Infatti il piano prevede in sostanza che i palestinesi accolgano tutte le richieste degli israeliani in cambio di un piano di investimenti pari a 50 miliardi di dollari in 10 anni. Ma politicamente resta il problema di una Palestina che è ridotta a qualche decina di piccole città i cui ingressi sono chiusi dai soldati dell'esercito israeliano; dove nessuno può entrare e uscire senza sottoporsi all'umiliazione di decine di controlli, anche corporali, dopo attese lunghissime sotto il sole o sotto la pioggia. E sempre con l'incubo che l'esercito israeliano dichiari una certa zona come "zona militare" e quindi rada al suolo tutte le abitazioni dei palestinesi per far costruire abitazioni riservate agli ebrei. In pratica, i palestinesi dovrebbero rinunciare alla propria dignità di essere umani e alle loro case per 50 miliardi di dollari che a questo punto saranno investiti a favore di Israele, perchè saranno gli israeliani a godere di ciò che viene creato. E il tutto senza parlare di Gaza, dove 2 milioni di palestinesi muoiono di fame, di sete e di malattie, a causa del muro che circonda la Striscia e che impedisce alla gente di entrare e uscire e al cibo e alle medicine di arrivare. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©