Dal mondo / Estremo Oriente

Commenta Stampa

Si esclude un colpo di stato o un ammunitamento

Congo: Violenta esplosione in caserma causa 200 morti

La città trema. Colpa di un incendio nel deposito di armi

Congo: Violenta esplosione in caserma causa 200 morti
04/03/2012, 19:03

BRAZEVILLE (CONGO) -  Numerose esplosioni violente si sono verificate in un deposito di munizioni a Brazzaville, la capitale del Congo. Il presunto incidente ha causato la morte di almeno 200 persone. I dati sono stati comunicati da un alto funzionario della presidenza. Una vera tragedia, una  deflagrazione che  ha causato centinaia di feriti e altri  episodi di entità minore. La città ha tremato e in poco tempo si è ritrovata avvolta e sovrastata da un alto pennacchio di fumo . Fonti riferiscono che : “Alcune persone sono rimaste intrappolate nelle loro case, pare che l'intero quartiere di Mpila sia andato distrutto” e il Ministro della Difesa, Charles Zharie Bowao, rassicura che sono poche le probabilità che si possa trattare di un tentativo di colpo di stato o di un ammutinamento. La causa dell’episodio, come ha spiegato alla radio, è da attribuire ad un incendio nel deposito di armi.
La caserma militare di Mpila, situata ad est della capitale è stata devastata dalla deflagrazione. L'esplosione è stata così violenta da colpire anche Kinshasa, sull’altra rivadel fiume Congo, causando danni ad alcuni edifici e ad  una chiesa. Il palazzo presidenziale si trova non lontano dall'origine dell’incidente.
Il traffico fluviale tra Kinshasa e Brazzaville,( capitale della Repubblica democratica del Congo),  è stato sospeso, ma sono stati ben altri i disagi che si sono verifecati come : il danneggiamento del dormitorio di un impresa di costruzione cinese, la Huawei dove però non ci sono state vittime. Altre fonti comunicano la morte di tre operai cinesi facenti parti di un gruppo di 140 operatori.

Commenta Stampa
di Alessia Tritone
Riproduzione riservata ©