Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Deve decidere il Tribunale, alla fine

Consiglio d'Europa: "Niente Ema a Milano, ricorso irricevibile"


Consiglio d'Europa: 'Niente Ema a Milano, ricorso irricevibile'
22/02/2018, 16:48

MILANO - Continua la diatriba sull'Agenzia europea del farmaco (EMA), viste le difficoltà che stanno avendo in Olanda. Infatti, la sede in cui dovrebbe essere trasferita l'EMA non solo non esiste ancora, ma non è stata ancora iniziata. Sono ancora in fase di demolizione degli edifici preesistenti e, secondo gli accertamenti fatti oggi, la prima pietra della nuova costruzione dovrebbe essere posata a giugno, mentre i davori dovrebbero durare diversi mesi. 

Una situazione che ha spinto alcuni giorni fa Milano - che arrivò seconda per un voto - a chiedere l'assegnazione della sede dell'EMA: Una richiesta che l'ufficio giuridico del Consiglio d'Europa ha rigettato in quanto irricevibile, perchè non è stato il Consiglio d'Europa a decidere l'assegnazione, bensì i singoli Stati. Inoltre, Milano non è stata interessata dalla votazione, quindi l'ente titolare è la Repubblica Italiana. 

Una decisione che il Comune di Milano contesta, ma probabilmente non ha i mezzi giuridici per intervenire. In ogni caso, il governo italiano il 31 gennaio scorso ha presentato un ricorso alla Corte di giustizia europea, affinchè venga rivista la decisione sull'assegnazione della sede dell'EMA; basata sul fatto che l'Olanda ha presentato una situazione (sede quasi pronta) che è completamente diversa dalla realtà. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©