Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Haftar e Serraj usano anche i media per combattere

Continua la guerra in Libia, Tra Usa, Onu e Francia


Continua la guerra in Libia, Tra Usa, Onu e Francia
08/04/2019, 09:36

TRIPOLI (LIBIA) - Continua la guerra in Libia tra le truppe fedeli al premier Fayez al-Serraj e quelle del generale Khalifa Haftar. Con il secondo che ha dichiarato di aver conquistato l'aeroporto di Tripoli e il primo che ha annunciato di aver avviato l'operazione "Vulcano di rabbia" contro Haftar con l'aiuto delle truppe provenienti dalla zona di Misurata. L'esercito di Haftar ha anche schierato batterie di missili Grad (missili a breve raggio, capaci di trasportare centinaia di chili di esplosivo) a 80 Km. da Tripoli. 

Le perdite finora sono modeste: l'esercito di Serraj denuncia 27 morti e 21 feriti, quello di Haftar 14 morti. Ma si teme una escalation, soprattutto in vista dell'incontro - organizzato dall'Onu - per nuove trattative tra i due signori della guerra, che dovrebbe iniziare il 14 aprile. Infatti secondo molti questo attacco nasce dalla volontà di conquistare terreno e posizioni per avere una posizione contrattuale più forte. 

Intanto gli Usa sono intervenuti diplomaticamente per convincere Haftar a fermare l'avanzata; mentre Serraj accusa anche la Francia di essersi schierata con il suo nemico. L'Italia dal canto suo ha annunciato di stare seguendo l'evoluzione della situazione, con particolare attenzione alle centinaia di italiani che sono in Libia per lavoro e che piano piano vengono evacuati per motivi di sicurezza

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©