Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Ma i mass media parlano solo della situazione a Ghouta

Continuano gli attacchi turchi contro la Siria, tensione al massimo


Continuano gli attacchi turchi contro la Siria, tensione al massimo
22/02/2018, 18:04

AFRIN (SIRIA) - Continua ad essere tesa la situazione al confine settentrionale della Siria, nella zona occupata dall'esercito turco. L'artiglieria turca continua a bombardare le vie d'accesso alla zona di Afrin, la città curdo-siriana tenuta sotto assedio; e punta soprattutto verso le strade che sta usando l'esercito regolare siriano. Questo ha permesso alle truppe irregolari (milizie irachene ed Hezbollah) - dotate di armamento più leggero - di arrivare ad Afrin e rinforzare la difesa. Una eventualità che non preoccupa eccessivamente la Turchia, che ha schierato carri armati, aerei e cannoni e li sta usando contro la popolazione civile di Afrin e dei villaggi vicini. 

Ma gli occhi dei mass media italiani sono puntati esclusivamente su Ghouta, l'enclave non lontana da Damasco che è in ostaggio dei mercenari del sedicente "Esercito Libero Siriano". La Siria sta approfittando del fatto di aver sconfitto sia l'ISIS che al Qaeda per usare le truppe così liberate per sferrare un attacco decisivo. Purtroppo, l'ELS continua ad usare i civili come scudi umani, e quindi le perdite tra la popolazione civile sono elevate. Si parla di circa 200 morti solo nell'ultima settimana. Ma ovviamente, Damasco non può cedere all'ultimatum dell'ELS che vuole pullman per lasciare l'enclave, tenendosi le armi e gli ostaggi, e che l'esercito siriano si allontani senza ostacolarli in nessun modo. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©