Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

CORRIGAN: "A GAZA UNA PUNIZIONE COLLETTIVA"


CORRIGAN: 'A GAZA UNA PUNIZIONE COLLETTIVA'
31/10/2008, 15:10

"Non c'e' nulla di piu' illegale ed immorale della punizione collettiva che viene applicata contro la popolazione palestinese ogni giorno ed in maniera indiscriminata dalle autorita' dello Stato di Israele". Lo afferma a Gaza all'agenzia missionaria cattolica Misna, Mairead Corrigan Maguire, premio Nobel per la pace nel 1976. Corrigan definisce la striscia di Gaza "una prigione dove un milione e mezzo di persone vivono e muoiono in condizioni umanitarie estreme, dove la maggioranza dei bambini e' malnutrita, dove non c'e' abbastanza, a partire dai medicinali e dai generi alimentari". Il premio Nobel per la pace sottolinea che "a Gaza c'e' uno sfacelo causato dall'assedio: non ci sono pezzi di ricambio per i macchinari, non ci sono medicine, la corrente elettriva va e viene, la manutenzione delle strutture e' impossibile. La verita' e' che qui la gente muore nell'indifferenza della comunita' internazionale e con la piena responsabilita' di Israele". Per Corrigan "Hamas aveva vinto regolari elezioni. Piu' che aver preso con la forza il potere a Gaza, bisognerebbe dire che e' stata defraudata del legittimo potere che il popolo palestinese le aveva affidato su tutti i territori. Cio' nonostante i palestinesi stanno lavorando per ricreare l'antica unione". "Passeggiando per le strade della citta' - conclude Corrigan - ho incontrato tanti ragazzi. Una, in particolare, mi ha colpito: chiedendomi di portarla via con me. Mi ha detto che chi nasce qui sa gia' che non avra' un lavoro, non avra' mezzi per sostentarsi, non avra' una vita degna di essere vissuta. Chi nasce qui nasce gia' condannato e, a parer mio, non esiste e non e' mai esistito qualcosa del genere nella storia dell'umanita'".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©