Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

CORTE UE: IL VEDOVO GAY HA DIRITTO ALLA PENSIONE


CORTE UE: IL VEDOVO GAY HA DIRITTO ALLA PENSIONE
01/04/2008, 14:04

Pietra miliare per i diritti dei gay, la Corte di Giustizia di Lussemburgo ha stabilito che una persona che conviva con un'altra, nell'ambito di una unione legale, anhe se gay, ha diritto a ricevere benefici come la pensione di reversibilità. Il contrario sarebbe una discriminazione.

La sentenza è stata presa per il caso di un tedesco che conviveva con una unione solidale (qualcosa di simile ai DICO che erano stati portati inparlamento) con un altro uomo, che lavorava come costumista teatrale. Quest'ultimo è morto e la previdenza tedesca si rifiutava di pagare la pensione di reversibilità. Da qui l'appello al giudice civile che poi ha adito il caso a Strasburgo.

L'importanza della sentenza sta anche nel fatto che è un importante precedente giuridico al quale ci si può appellare per permettere ai gay di avere gli stessi diritti civili delle persone eterosessuali

 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©