Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Missili sulla residenza presidenziale e sui campi lealisti

Costa D'Avorio: l'Onu e la Francia sparano sul presidente Gbagbo

Rapite 5 persone, di cui 2 francesi

Costa D'Avorio: l'Onu e la Francia sparano sul presidente Gbagbo
04/04/2011, 22:04

ABIDJAN - Anche l'Africa centrale ribolle e conosce il rischio di guerra civile. In particolare è la Costa D'Avorio a dover patire giorni di altissima tensione politica, sociale ed economica. Il presidente Laurent Gbagbo, sconfitto dal rivale Alassane Ouattara durante le elezioni dello scorso novembre, si rifiuta infatti di abbandonare il proprio incarico e da mesi tiene sotto scacco la capitale economica Abidjan grazie alle sue truppe lealiste.
L'intervento dell'Onu ed in particolare della Francia, si è fatto ogni giorno più pressante e, dopo il ferimento di alcuni caschi blu ad opera dei militari fedeli a Gbagbo, le Nazioni Unite hanno deciso di effettuare un intervento armato contro il presidente e di attaccare con il lancio di missili la sua residenza, il palazzo presidenziale ed alcuni campi militari.
In giornata, elicotteri francesi hanno inoltre colpito duramente il campo di Abgan.
Al contempo le truppe di Ouattara si stanno preparando a sferrare un'altra offensiva contro gli uomini di Gbagbo. A tal proposito, anche il segretario generale delle Nazioni Unite in Costa D'avorio, Choi Young-Jin, ha ammesso:"Stiamo velocemente raggiungendo un punto critico. Stiamo pianificando un'azione, non possiamo più perdonare gli attacchi avventati e gratuiti contro i civili e i caschi blu dell'onu con armi pesanti".
Choi ha poi parlato di una vera e propria situazione di "assedio" subita dai militari dell'Onu:"Non possiamo uscire liberamente, ci puntano con i cecchini. E' un attacco deliberato contro le Nazioni Unite. Negli ultimi giorni abbiamo avuto 11 caschi blu feriti. Hanno preso di mira il nostro quartier generale, ci hanno tagliato l'acqua. Siamo in un bunker".
I caschi blu inviati in Costa D'Avorio, precisa il segretario, non hanno il mandato specifico di cattura per Gbagbo ma possono rispondere al fuoco e sono dotati di tre elicotteri d'attacco mi-24 ed elicotteri mi-8 e mi-17 dell'aviazione ucraina. Intanto, arriva notizia di cinque persone rapite nel quartiere finanziario di Abidjan. Le informazioni che arrivano dalla zona sono confuse e parlano di violenti scontri avvenuti negli scorsi giorni tra i soldati del presidente uscente e quelli di Outatara. Durante tali scontri, sarebbero stati presi in ostaggio cinque civili tra i quali si trovano anche due cittadini francesi. Al momento, non si conosco le condizioni di salute dei prigionieri e la situazione potrebbe spingere le forze internazionali ad un'azione militare ancora più massiccia.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©