Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Usa e Ue non riconosceranno il referendum

Crimea verso referendum, Kerry e Lavrov: no incontro


Crimea verso referendum, Kerry e Lavrov: no incontro
14/03/2014, 21:29

LONDRA- John Kerry insieme Serghei Lavrov al termine delle sei ore di incontro in cui a Londra non sono riusciti a trovare un "terreno comune" sul dossier Crimea a 48 ore dal referendum che decidera' la secessione della regione dall'Ucraina.

Usa e Ue non riconosceranno il referendum, e preparano altre sanzioni, che Mosca ha gia' definito "uno strumento controproducente che non giovera' alle relazioni" tra la Russia e l'Occidente. Si tratta di una consultazione "illegale", ha ribadito Kerry, confermando il "forte sostegno" Usa al nuovo governo ucraino. Con Lavrov, ha detto Kerry, abbiamo avuto un colloquio "sincero" e "diretto". Il segretario di Stato ha poi sottolineato che Putin "non prendera' decisioni" per risolvere la disputa prima di conoscere l'esito del referendum.

In Crimea le autorita' locali hanno aumentato le misure di sicurezza in vista del referendum. La vittoria dei filo-russi e' scontata e gia' lunedi' il Consiglio Ue potrebbe vietare l'ingresso nel proprio territorio ai vertici del potere politico-economico russo.

Commenta Stampa
di Flavia Stefanelli
Riproduzione riservata ©