Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Oggi teleconferenza dei ministri delle Finanze dell’Ue

Crisi: in arrivo gli aiuti alla Spagna?

Intanto Madrid smentisce: “Posizione non cambiata”

Crisi: in arrivo gli aiuti alla Spagna?
09/06/2012, 11:06

BRUXELLES - Non è ancora chiaro se Madrid chiederà all’Europa un aiuto per il proprio sistema bancario oppure no, ma sta di fatto che i ministri delle Finanze della zona euro si riuniranno oggi in teleconferenza, alle 16, proprio per discutere della questione iberica, in vista della possibile richiesta di aiuti da parte del governo spagnolo. A far trapelare l’ipotesi che Madrid stia per chiedere all’Europa di intervenire per salvare il proprio sistema bancario sono state due fonti comunitarie e una del governo tedesco (una delle due ha specificato che la richiesta di aiuto da parte della Spagna dovrebbe essere formalizzata nel pomeriggio), ma nel giro di poche ore il portavoce del ministero dell’Economia spagnolo ha voluto precisare con una nota che la posizione del governo spagnolo resta invariata e che Madrid non cerca aiuti per il sistema bancario: “Non c’è stato nessun cambiamento”, ha spiegato.
Nonostante le smentite pubbliche, però, le autorità europee si aspettano una richiesta già oggi ed hanno programmato una serie di incontri nel fine settimana per accelerare il salvataggio del settore bancario spagnolo. Se non di ore, secondo loro, il salvataggio spagnolo sarebbe questione di giorni: la Spagna sarebbe sul punto di chiedere formalmente alla zona euro un pacchetto di aiuti finanziari per ricapitalizzare le sue banche, diventando così il quarto Paese dell’Unione monetaria a ricorrere a un salvataggio internazionale.
Il presidente dell’Eurogruppo, Jean-Claude Juncker, intanto, ha esortato a risolvere rapidamente la crisi bancaria spagnola. “La soluzione deve arrivare rapidamente”, ha detto Juncker in una intervista rilasciata ieri alla radio tedesca Deutschlandradiokultur, sottolineando anche che la situazione spagnola non è comunque comparabile con quella della Grecia, considerati gli sforzi compiuti da Madrid per rimettere a posti i suoi conti pubblici.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©