Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Papandreou: "ricostruzioni criminali"

Crisi in Grecia: si ritorna alla dracma?


Crisi in Grecia: si ritorna alla dracma?
07/05/2011, 17:05

Arriva la smentita da parte del governo greco dell'uscita del paese dall'euro e il ritorno alla dracma.  Il premier George Papandreou nega che si sia svolto qualsiasi incontro - anche informale - sulla questione fra i paesi dell'Eurozona venerdì sera in Lussemburgo.

In realtà, a far partire questa ridda di voci relative al futuro sempre più nero della Grecia sono stati il “New York Times” e il “Der Spiegel”. Per entrambe le testate internazionali, infatti, Papandreou, di fronte all’evidenza della crisi, sarebbe giunto alla conclusione che non vi sia altra soluzione che abbandonare la moneta unica.

Ma il primo ministro greco ha affermato che si tratta di  ricostruzioni "immaginarie e al limite del criminale". "Le conseguenze dell'uscita della Grecia dall'euro sarebbero catastrofiche" - ha continuato - "il debito pubblico raddoppierebbe, il potere d’acquisto crollerebbe, le banche collasserebbero e precipiteremmo in una recessione da guerra".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©