Dal mondo / America

Commenta Stampa

L'ex terrorista rilasciato per poter festeggiare in famiglia

Dal Brasile: "Battisti libero prima di Natale"


Dal Brasile: 'Battisti libero prima di Natale'
19/12/2010, 20:12

BRASILIA - Dovrebbe tornare in libertà prima di Natale, l’ex terrorista rosso Cesare Battisti, detenuto nel carcere di Brasilia in attesa dell’estradizione in Italia.  Condannato in contumacia all'ergastolo, con sentenze passate in giudicato, per aver commesso quattro omicidi in concorso durante gli anni di piombo, l’ex militante dei Pac sarà dunque rilasciato entro la prossima settimana, per poter passare le feste libero con la famiglia in Brasile. Lo afferma oggi l’analista Ricardo Noblat del quotidiano O Globo sul suo blog, rivelando che l’Avvocato generale dello Stato ha già consegnato al presidente Luiz Inacio Lula da Silva la versione finale del documento che permetterà al governo brasiliano di giustificare il rifiuto di estradare Battisti, nonostante l’accordo bilaterale con l’Italia.
Sempre secondo Noblat, nei corridoi del governo circola voce che Lula annuncerà la sua decisione giovedì prossimo, in modo che ci sia il tempo tecnico perchè Battisti possa essere rilasciato a tempo per passare le feste natalizie con la famiglia, gli amici e tutti quelli che lo hanno appoggiato durante la detenzione. Ma fonti dell’Avvocatura dello stato precisano di non aver ancora consegnato a Lula il proprio parere, confermando comunque che il destino di Battisti sarà deciso nei prossimi giorni.
Lula avrebbe così aspettato la fine del suo incarico, che scade a fine anno, per ignorare platealmente la decisione del Supremo Tribunal Federal (la Corte Costituzionale brasiliana), che nel novembre del 2009 decise a favore dell’estradizione dell’ex terrorista rosso, e anche l’opinione pubblica brasiliana, chiaramente contraria all’asilo politico. 

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©