Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Ancora incomplete pratiche per rilascio permesso d’asilo

Datagate, avvocato di Snowden: “Non può lasciare l’aeroporto di Mosca”


Datagate, avvocato di Snowden: “Non può lasciare l’aeroporto di Mosca”
24/07/2013, 21:30

A dispetto di quanto precedentemente annunciato, Edward Snowden non può ancora lasciare l'area transiti dell'aeroporto Sheremetyevo di Mosca. Il Servizio Immigrazione della Federazione russa, infatti, riferisce che sono ancora incomplete le pratiche per il rilascio del permesso di asilo provvisorio all'ex analista della Cia.
La notizia è stata riferita dall’avvocato di Snowden, Anatoly Kucherena, intervistato dall'emittente televisiva russa RT al suo arrivo all'aeroporto, dopo che era stata diffusa la notizia che Snowden poteva lasciare l’aeroporto russo.
"Stiamo chiedendo chiarimenti alle autorità russe sullo status del signor Snowden e su qualsiasi cambiamento" intervenuto, ha dichiarato il portavoce della Casa Bianca, Jay Carney. La posizione degli Usa sul caso della 'talpa' dell'Nsa, ha ribadito Carney, non è cambiata e Snowden "dovrebbe essere espulso e tornare negli Stati Uniti". Snowden, ha dichiarato poi il portavoce della Casa Bianca, "non è né un attivista per i diritti umani né un dissidente" ed è stato accusato di gravi reati, come lo spionaggio.
"Il Prism è solo la punta dell'iceberg",ha dichiarato un ex agente della National Security Agency alla rivista tedesca 'Stern' Thomas Drake. Anche William Binney, esperto di crittologia ed ex agente dell'agenzia, ha detto alla 'Stern' che i servizi segreti degli Stati Uniti avrebbero potuto immagazzinare tra i 40 e i 50 miliardi di telefonate ed e-mail in tutto il mondo.
Il nuovo centro dati che l'Nsa costruisce nello Utah, ha affermato Binney, ha la capacità di salvare "almeno 100 anni di comunicazioni globali". L'Nsa, ha aggiunto, "vuole tutto. In ogni momento. Questo potere è una minaccia per la nostra democrazia".

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©