Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Si ripete la vicenda Assange, ma questa volta...

Datagate: gli Usa chiedono ad Hong Kong l'arresto di Snowden


Datagate: gli Usa chiedono ad Hong Kong l'arresto di Snowden
22/06/2013, 11:26

WASHINGTON (USA) - La questione sul cosiddetto "Datagate" (la vasta mole di intercettazioni illeggittime messe in opera dagli Usa mediante la NSA) diventa una questione diplomatica internazionale. Infatti gli Stati UNiti hanno chiesto ad Hong Kong di arrestare Edward Snowden, la talpa che ha rivelato al Guardian i segreti sullo spionaggio elettronico. Il testo delle accuse rivoltegli è segreto e la richiesta di arresto è basata su un mandato provvisorio. Ma probabilmente si tratta di spionaggio, furto di proprietà del governo e diffusione di notizie coperte dal segreto di Stato. 
La questione diventa diplomatica perchè Hong Kong, pur avendo nominalmente  una ampia autonomia, resta una città cinese. E quindi è il governo cinese che alla fine dovràò decidere. Una questione su cui nei giorni scorsi già è stato espresso un no, sia da funzionari governativi di Pechino che di Hong Kong. Riusciranno le pressioni diplomatiche statunitensi a sbloccare la situazione? Con Julian Assange, fondatore di Wikileaks è andata bene. Ma Assange era in Inghilterra e le accuse provenivano dalla Svezia; una situazione molto migliore, rispetto a quella di una Cina decisamente insensibile alle pressioni statunitensi. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©