Dal mondo / America

Commenta Stampa

Letta: "Non tolleriamo zone d'ombra"

Datagate, Merkel: "Spiare gli alleati è inaccettabile"

La questione è al momento discussa al vertice a Bruxelles

Datagate, Merkel: 'Spiare gli alleati è inaccettabile'
24/10/2013, 21:56

 “Spiare gli alleati è inaccettabile”. Questa l’affermazione indignata di Angela Merkel dopo aver scoperto la notizia del presunto controllo del suo telefono da parte degli Stati Uniti.  Già ieri il Cancelliere tedesco ha chiarito al presidente americano Barack Obama che il controllo del suo telefono da parte degli Stati Uniti sarebbe un “gravo abuso di fiducia” e gli ha chiesto spiegazioni immediate. Stamattina, poi, il ministro degli Esteri tedesco ha convocato l’ambasciatore Usa in Germania per un colloquio. Al momento è in corso a Bruxelles un vertice in cui le questioni economiche e sociali rischiano di probabilmente di essere poste in secondo piano dal dibattito sulle comunicazioni.

La questione del Datagate è riemersa dopo che negli ultimi giorni il quotidiano francese Le Monde ha pubblicato degli articoli relativi alla presunta attività di spionaggio nei confronti dei cittadini francesi, riguardante comunicazioni telefoniche ed informatiche, da parte dell’Agenzia per la sicurezza nazionale americana (Nas).

“Non è accettabile che ci siano atti di spionaggio di questo tipo. Non possiamo tollerare zone d’ ombra e dubbi sulla protezione dei dati personali dei cittadini e delle istituzioni”, ha detto il premier italiano Enrico Letta. Il primo ministro ha poi continuato: “Ovviamente vanno fatte tutte le verifiche, ma vogliamo tutta la verità”.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©