Dal mondo / America

Commenta Stampa

A darne la notizia su Twitter è stato un parlamentare russo

Datagate, Snowden avrebbe accettato asilo da Maduro

Ma il tweet è stato cancellato

Datagate, Snowden avrebbe accettato asilo da Maduro
09/07/2013, 17:44

MOSCA - Edward Snowden, ex consulente dell’americana National Security Agency, da 17 giorni confinato nella zona di transito dell’aeroporto moscovita di Sheremetyevo a causa delle rivelazioni e diffusioni di documenti riservati che hanno innescato lo scandalo del datagate, avrebbe accettato la proposta di asilo giuntagli dal presidente venezuelano Nicolas Maduro. A rivelarlo è stato Alexei Pushkov, un parlamentare russo che ha diffuso la notizia – di cui non si conoscono le fonti – attraverso il suo account di Twitter. “Come ci si poteva attendere, Snowden ha detto sì alla proposta di asilo pervenutagli da parte del presidente venezuelano Nicolas Maduro”, aveva scritto Pushkov. Quando la notizia era ormai stata ripresa dalle agenzie di tutto il mondo, però, il deputato della Duma ha rimosso il tweet.

Poche ore prima del tweet di Alexei Pushkov, erano state diffuse le dichiarazioni rilasciate dal presidente Maduro durante un meeting che si è tenuto lunedì sera con il presidente panamese, durante il quale il leader di Caracas ha affermato che il Venezuela ha ricevuto la richiesta d’asilo di Snowden e che è disposto a dare accoglienza e protezione al giovane americano. “E’ il primo caso di asilo umanitario collettivo”, ha affermato Maduro, commentando il fatto che anche Bolivia e Nicaragua abbiamo dato la propria disponibilità ad accogliere Snowden. “Snowden deve decidere quando volare qui, se è davvero intenzionato a venire qui”, ha concluso il presidente venezuelano. Resta da definire con quali documenti Snowden potrà viaggiare, dal momento che il suo passaporto non è più valido.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©