Dal mondo / America

Commenta Stampa

Nonostante le polemiche di parte della popoalzione

Dato l'ok alla costruzione di una moschea a Ground Zero


Dato l'ok alla costruzione di una moschea a Ground Zero
03/08/2010, 17:08

NEW YORK (USA) - Ulteriore passo, sia pure indiretto, verso la costruzione di una nuova moschea a Ground Zero. La Commissione della New York City Preservation ha detto no alla possibilità che un vecchio edificio della città americana venga considerato un monumento e quindi, in quanto tale, immodificabile. L'edificio è quello acquistato dalla comunità islamica locale per creare un nuovo centro islamico, che comprenderà una sala di preghiera, una piscina, una palestra, una libreria, una caffetteria e un auditorio da 500 posti. Ma è in una localizzazione che crea polemiche: a due passi da Ground Zero, cioè dal luogo dove stavano le Torri Gemelle crollate l'11 settembre 2001. Per questo ci sono state moltissime polemiche, sostenute soprattutto dalle associazioni sionistiche statunitensi, che hanno protestato per la presenza di un centro islamico così vicino ad un luogo che è considerato improprio. In questio sostenuti dai repubblicani come l'ex candidata alla Vicepresidenza Usa, Sarah Palin, che l'ha definita una provocazione.
Invece a sostenere l'iniziativa c'è sempre stato il sindaco di New York, Michael Bloomberg. E c'è da sperare che presto i musulmani possano lasciare l'edificio fatiscente al numero 45-47 di Park Place per andare nel nuovo centro.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©