Dal mondo / America

Commenta Stampa

Ha vinto promettendo uguaglianza

De Blasio sindaco di New York. Una "Grande Mela" rossa?



De Blasio sindaco di New York. Una 'Grande Mela' rossa?
06/11/2013, 10:22

NEW YORK (USA) - Sandinista, comunista, amico del crimine e dei delinquenti... l'hanno chiamato in tutti i modi Bill De Blasio, durante la campagna elettorale di New York. Ma adesso possono solo chiamarlo "sindaco", dopo la sgargiante vittoria sul suo avversario, il repubblicano Joe Lotha. 
De Blasio ha vinto puntando su argomenti poco usuali alle orecchie degli americani: uguaglianza, stop alle violenze della Polizia, aumento delle tasse per i ricchi. Però li ha presentati in maniera intelligente: non come crociata contro chi ha di più, ma sostenendo che per i ricchi è meglio rinunciare a qualcosa di soldi adesso, piuttosto che avere domani onde di disperati fuori dai cancelli o dai portoni delle loro ville o dei loro lussuosi appartamenti. E in quanto alla Polizia, c'è la promessa di abolire il "ferma e perquisisci", cioè la possibilità di fermare e perquisire chiunque; una possibilità usata soprattutto per angariare gente di colore e latinos. Come era inevitabile, in una Polizia fatta soprattutto da bianchi razzisti.
Adesso tutto questo dovrebbe finire se le promesse verranno mantenute. Ma lo saranno?  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©