Dal mondo / America

Commenta Stampa

Aveva riempito la casa di esplosivi e preparato una trappola

Denver: un centinaio di capi di imputazione per il killer del cinema


Denver: un centinaio di capi di imputazione per il killer del cinema
21/07/2012, 14:14

DENVER (USA) - James Eagan Holmes, l'autore della strage in un cinema di Denver alla prima del film Batman, comparirà lunedì mattina davanti al giudice. Dovrà rispondere di un centinaio di capi di imputazione, tra cui uno per ciascuna dellepersone da lui uccise o ferite dutante la strage. Se verrà processato e trovatocolpevole (e ci sonopochi dubbi inproposito), rischia la pena di morte. 
 Intanto la famiglia del giovane sta collaborando con la Polizia, dato che non sapeva nulla delle intenzioni di James. In particolare, nessuno sapeva che Holmes aveva trasformato la casa in una trappola mortale: aveva piazzato numerose cariche esplosive ad alto potenziale in vari punti dell'appartamento. Dopo di che aveva collegato un timer all'impianto stereo, predisposto affinchè nel cuore della notte suonasse a tutto volume. Il calcolo che Holmes aveva fatto era che i vicini avrebbero chiamato la Polizia per far smettere il baccano. E quando i poliziotti fossero entrati, l'appartamento sarebbe esploso, uccidendoli sul colpo. 
 Per questo coloro che abitano nelle vicinanze dell'appartamento di Holmes sono stati allontanati per ora; mentre la Polizia sta valutando l'ipotesi di far esplodere l'appartamento, per evitare che accidentalmente qualcuno faccia scattare qualche trappola esplosiva ancora non scovata. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©