Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

DETENUTO NEL BRACCIO DELLA MORTE IN TEXAS, SALVO GRAZIE AL DNA


DETENUTO NEL BRACCIO DELLA MORTE IN TEXAS, SALVO GRAZIE AL DNA
19/09/2008, 16:09

Un cittadino del Texas, che si trovava nel braccio della morte di un carcere locale da circa 14 anni, è stato scagionato, grazie ad un test sul Dna, dall'omicidio di una bambina nel 1993: lo ha confermato il Death Penalty Information Center. Michael Blair non verrà scarcerato perché è stato condannato all'ergastolo per altri delitti, ma lascerà il braccio della morte. Blair è il 130esimo condannato a morte salvato dall'esame del Dna da quando sono riprese le esecuzioni negli Usa, nel 1976 e il quarto quest'anno. L'uomo era accusato dell'assassinio di una bambina. E' stato proprio l'esame del Dna sui capelli della piccola a dimostrare la sua innocenza.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©