Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Per il momento il “sì” è in vantaggio

Domani la Croazia al voto: ingresso nella Ue o no?

Croati a un passo dall’Europa

Domani la Croazia al voto: ingresso nella Ue o no?
21/01/2012, 10:01

ZAGABRIA - Tra il 55 e il 60 per cento, secondo alcuni sondaggi della vigilia, si è dichiarato favorevole. È con questi numeri che la Croazia può essere considerata a un passo dall’Unione europea. Domani, infatti, i cittadini croati saranno chiamati al voto, per dire se vogliono l’adesione del loro Paese all’Europa oppure no. il Trattato di adesione è stato firmato lo scorso 9 dicembre e l’ingresso nella Ue sarebbe previsto, con esito positivo del referendum, per il primo luglio 2013: la parola ora spetta ai cittadini.
Si tratta del secondo referendum nella storia del Paese, dopo quello del 1991, quando più del novanta per cento della popolazione si espresse a favore dell’indipendenza dalla Jugoslavia socialista. Da allora tutti i governi e i maggiori partiti hanno sempre considerato l’integrazione in Europa il “principale obiettivo strategico della nazione”: al riguardo, solo ieri il parlamento ha votato, con un solo astenuto, una dichiarazione che invita tutti i cittadini a esprimersi a favore. I sondaggi danno il “sì” in vantaggio: praticamente tutto lo schieramento politico è a favore, ma non mancano le rimostranze di chi ha paura che l’ingresso nell’Ue segni la fine della Croazia.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©