Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Era stato rapito dai pirati somali sul suo yacht

Dopo 20 mesi con i pirati, libero Bruno Pellizzari


Dopo 20 mesi con i pirati, libero Bruno Pellizzari
21/06/2012, 11:06

AFRICA - E' finalmente libero Bruno Pellizzari, da 20 mesi tenuto prigioniero dai pirati somali. L'ha annunciato il Ministro degli Esteri Giulio Terzi, dopo averne informato i familiari che vivono in Italia.
Pellizzari abitava da anni a Durban, in Sudafrica. Il 26 ottobre 2010 venne rapito dai pirati somali mentre si trovava sul suo yacht, con la sua compagna Deborah Calitz, al largo delle coste della Tanzania. Al momento dell'attacco a bordo dell'imbarcazione c'era anche l'inglese Peter Eldrige, che si gettò a mare e venne recuperato da una nave francese, da cui poi lanciò l'allarme. Poco dopo il rapimento, a Pellizzari venne dato il permesso di chiamare a casa, cosa che riaccese le speranze. Ma la richiesta di riscatto (10 milioni di dollari) ha presto fermato tutte le trattative.
Che evidentemente non si sono mai interrotte, visto quello che è successo oggi. Adesso l'italiano e la sua compagna sono a Mogadiscio, capitale della SOmalia, dove il Ministro della Difesa li ha mostrati ai giornalisti in una conferenza stampa appositamente convocata.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©