Dal mondo / America

Commenta Stampa

Ancora ignota la dinamica dell'incidente

Dopo due anni riemerge cadavere del volo Rio-Parigi


Dopo due anni riemerge cadavere del volo Rio-Parigi
05/05/2011, 19:05

ROMA – Dopo due anni torna alla luce il cadavere di uno dei passeggeri del volo Rio-Parigi che precipitò nell’Atlantico. A bordo c’erano 228 persone. Il corpo è naturalmente in avanzato stato di decomposizione, ma appare ancora agganciato con le cinture al sedile.
Ignota, almeno per il momento, l’identità della vittima: la prossima settimana saranno analizzati alcuni campioni di dna per accertarne le generalità. Le operazioni di ripescaggio dei corpi sono particolarmente complesse, e probabilmente non si riusciranno a riportare a galla tutti. “E' da ieri che provavamo a portarlo su. Ha richiesto molto tempo" - ha detto il portavoce, dal quartier generale della polizia nazionale a Parigi - "E' difficile perché i corpi sono ben conservati sul fondale dell'oceano per via della pressione e della temperatura, ma portarli in superficie attraverso l'acqua più calda provoca la decomposizione".
Resta da chiarire la dinamica dell’incidente, la cui ricostruzione sarà possibile soltanto dopo l’analisi delle due scatole nere, ripescate tra domenica e lunedì.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©