Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

La Polizia indaga sulle cause del triplice omicidio

Edinburgo: uccide i figli e poi tenta il suicidio, è grave


Edinburgo: uccide i figli e poi tenta il suicidio, è grave
05/08/2010, 16:08

EDINBURGO (SCOZIA) - Una donna di 46 anni è stata responsabile di una strage, ad Edinburgo, capitale della Scozia. Prima ha ucciso i suoi tre figli (due gemelli di 8 anni e una bambina di 5) a coltellate; dopo di che ha provocato una esplosione con il gas della cucina, dando fuoco alla casa. Dopo di che è salita su un balcone, ha gridato - secondo i testimoni - "I miei figli, i miei figli" e poi si è lanciata nel vuoto. L'impatto però non è stato mortale ed ora la donna è ricoverata in un vicino ospedale in terapia intensiva, piantonata dalla Polizia che aspetta il suo risveglio per capire quali siano state le motivazioni di tale gesto.
Quello che si sa è che la donna aveva un divorzio problematico appena conclusosi ed era fuggita da Skene, il paese in cui viveva, per arrivare ad Edinburgo un mese fa. Il padre dei ragazzi è stato avvertito e sta collaborando con la Polizia

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©