Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Egitto: attacco kamikaze ai cristiani


Egitto: attacco kamikaze ai cristiani
01/01/2011, 13:01

È di 21 morti il bilancio ufficiale di una strage avvenuta davanti ad una chiesa ad Alessandria, in Egitto. Secondo una prima ricostruzione, la strage sarebbe stata provocata da un kamikaze che si è fatto esplodere con un’autobomba. L’esplosione è avvenuta 15 minuti dopo la mezzanotte, dentro la chiesa c’erano un migliaio di fedeli per la tradizionale cerimonia di ogni anno. Danni anche per una moschea adiacente alla chiesa, con 8 musulmani feriti.

In seguito all’attentato,i cristiani si sono riversati nelle strade e sono cominciati gli scontri con la polizia ed i musulmani. Alcuni manifestanti hanno fatto irruzione nel luogo sacro, gettando i libri in strada; sul posto e' accorsa la polizia che ha dovuto disperdere la folla con i gas lacrimogeni.

La polizia, poi, è riuscita a riportare l’ordine ma la tensione è ancora molto alta. Il presidente  Hosni Mubarak ha fatto un appello all'unita' rivolto a cristiani e musulmani. Per ora non c'e' stato alcuna rivendicazione ma al Qaeda ha da tempo minacciato i cristiani e fatto un appello a punire la comunità copta che, secondo la rete terroristica, trattiene contro la loro volontà due mogli di sacerdoti che si sarebbero convertite all'Islam. In un Paese che soffre di crescenti divisioni settarie, Mubarak ha invitato "i figli dell'Egitto, copti e musulmani" a serrare le fila "contro il terrorismo".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©