Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Il premier Beblawi: "Sono stati i Fratelli Musulmani"

Egitto, attentato al quartier generale: 14 morti e 130 feriti

Il premier: "Non piegheranno la nostra determinazione"

Egitto, attentato al quartier generale: 14 morti e 130 feriti
24/12/2013, 11:26

MANSOURA (EGITTO) - E’ di almeno 14 morti e 130 feriti il bilancio provvisorio dell’attentato compiuto stanotte a Mansoura, nell’Egitto settentrionale, contro il quartier generale della polizia egiziana. A rendere nota la notizia è stato il ministero della Salute. Tra i 14 morti ci sono almeno otto poliziotti. Il resto delle vittime sono passanti che si trovavano per caso sul posto al momento dell’attentato, quando l’ordigno piazzato all’interno  dell’edificio è esploso insieme ad un altro ordigno che si trovava all’interno di un’automobile. Alcune parti dell’edificio sono crollate a seguito delle esplosioni. Una terza bomba è stata disinnescata. Il premier Hazem al-Beblawi ritiene che l’attentato sia stato compiuto dai Fratelli Musulmani. Secondo lui  i responsabili dell’attacco “vogliono distruggere il futuro del Paese” e vogliono ostacolare la linea politica affermatasi in seguito alla destituzione dell’ex presidente Morsi dello scorso 3 luglio.

“La Fratellanza ha mostrato oggi il suo cattivo viso di gruppo terroristico che sparge sangue – ha affermato Beblawi –. Gli atti terroristici però non piegheranno la nostra determinazione ad andare avanti con la realizzazione della road map e non scoraggeranno la gente ad andare in massa alle urne durante il referendum sulla costituzione”.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©