Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Continuano le proteste contro la giunta militare al potere

Egitto: gas nervini usati sui manifestanti di piazza Tahrir?


Egitto: gas nervini usati sui manifestanti di piazza Tahrir?
22/11/2011, 14:11

IL CAIRO (EGITTO) - Continuano le manifestazioni a piazza Tahrir, al Cairo, capitale dell'Egitto. Il motivo è nel fatto che la popolzione egiziana teme che la giunta militare, di fatto al potere dalla caduta dell'ex presidente Hosni Mubarak, stia cercando di rimandare a tempo indeterminato le elezioni (previste per lunedì 28 novembre) per mantenere il potere. A partire da venerdì scorso, sono state uccise oltre 40 persone, i feriti sono oltre un migliaio. Ma di cosa sono morte queste 40 persone? Più di una è morta perchè colpita dai proiettili di gomma dura usati dalla Polizia e dai soldati, che li hanno usati in maniera indiscriminata; altri sono morti per le tante percosse. Ma alcuni cadaveri non mostrano ferite evidenti.
Una spiegazione forse sta in un servizio che ha fatto questa mattina su Rainews, che si è collegata in diretta con il corrispondente Mark Innaro. Il quale ha detto che la Polizia stava usando un diverso tipo di gas lacrimogeno, "più potente" ha detto. Specificando i sintomi aggiuntivi, in particolare nausea e paralisi. E' ovvio che questo l'ha raccontato chi ne h respirato poco; chi ne ha respirato di più, ha avuto una paralisi più intensa, che ha interessato anche il cuore. Ed è stato fatale.
E questi non sono gas lacrimogeni. Li possiamo chiamare gas venefici, gas nervini o come si vuole; quello che è certo è che si tratta di prodotti militari. L'unica incertezza è se sono prodotti autoctoni oppure se stanno sperimentando qualche prodotto per conto dei loro fornitori di armi che - come è noto - sono gli Stati Uniti.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©