Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Fanno parte dell'offensiva diplomatica per la Palestina

Egitto: la polizia blocca delegazione italiana e francese


Egitto: la polizia blocca delegazione italiana e francese
28/12/2009, 11:12

CAIRO - In questi giorni una importante iniziativa è in corso a favore dei palestinesi. ONG e volontari francesi, italiane e di altre nazioni stanno cercando di far arrivare cibo, acqua e medicinali nella striscia di Gaza, sempre più chiusa tra Israele ed Egitto, che si sono accordati per distruggere l'unica via attraverso cui arriva ancora un minimo di cibo: i tunnel sotto il confine egiziano. Contemporaneamente queste ONG stanno cercando di effettuare un minimo di pressione diplomatica affichè l'Egitto apra il valico di Rafah, l'unico punto in cui i palestinesi possono uscire senza attraversare il territorio israeliano. O meglio "potrebbero" uscire, dato che in quel punto l'Egitto già da tempo ha costruito un muro per bloccare il passaggio e pattuglia la zona con i soldati, con l'ordine di sparare su chi tenta di superare l'ostacolo. Tuttavia, per prevenire queste iniziative pro Palestina, questa mattina si è mossa la Polizia egiziana, che ha sequestrato i pullman su cui erano arrivate le delegazioni francese ed italiana. Inoltre sta anche impedendo alle delegazioni di prendere i taxi o comunque muoversi dalla zona dove stanno, realizzando di fatto un sequestro di persona.
Ma tutto questo ovviamente non esce sui giornali o in TV. Non ci sono giornalisti che parlino dei palestinesi che stanno morendo di fame e di sete e che possono contare solo sui rifornimenti che Hamas fa arrivare tramite i suoi tunnel e che purtroppo Hamas gestisce a proprio piacimento.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©