Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

In migliaia al Cairo per la sua liberazione

Egitto, l'ex rais Mubarak lascia il carcere


Egitto, l'ex rais Mubarak lascia il carcere
22/08/2013, 18:10

IL CAIRO (Egitto) - Un procuratore egiziano ha ordinato al carcere di Tora di liberare Hosni Mubarak. Fonti della procura hanno dichiarato che sono state inviate istruzioni scritte per il rilascio dell'ex presidente deposto nel 2011. L'ex rais è stati infatti liberato e ha lasciato il carcere di Tora, dove era detenuto dal 2 giugno 2012. Migliaia di sostenitori di Mubarak hanno occupato questa mattina l'area antistante la prigiione di Tora, al Cairo, in attesa della sua liberazione. L'ex rais dovrebbe inizialmente essere trasferito in un ospedale militare nel zona nord-orientale del Cairo, dove resterà sotto sorveglianza, per poi essere sottoposto agli arresti domiciliari. A quel punto Mubarak potrebbe raggiungere la sua residenza a Sharm el Sheik, in attesa delle sentenze dei processi a suo carico. Mercoledì un tribunale penale del Cairo aveva accolto l'istanza di scarcerazione presentata dal difensore di Mubarak. Sull'episodio arriva la direttiva dei Fratelli Musulmani e di altri gruppi islamici che sostengono il presidente deposto Mohamed Morsi, tramite una fatwa: "Radersi la barba, il segno distintivo degli islamici più tradizionali, è lecito, per evitare di essere identificati e arrestati dalla polizia egiziana". L'obiettivo, secondo la fatwa è "confondere l'esercito e la polizia e arrivare indisturbati alle manifestazioni pro-Morsi". Ma non tutti sono convinti della legittimità di questa misura, che ha già portato all'arresto di numerosi dirigenti dei partiti e dei gruppi islamici da parte delle forze di sicurezza. alla luce dei precetti dell'Islam. Tra i vari oppositori della direttiva dei Fratelli Musulmani Abu Ishaak al-Huwainy, personalità religiosa di grande rilievo in Egitto, che sulla questione si è così espresso: "E' sbagliato radersi la barba e non bisognerebbe farlo, perché in questo modo si violano le regole scritte dal profeta, oltre a legittimare l'idea che chi porta la barba debba essere arrestato. In questo modo, gli uomini che portano la barba rischiano di essere esposti a maggiori pressioni".

Commenta Stampa
di Armando Brianese
Riproduzione riservata ©