Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Barack Obama lo telefona: violenza inaccettabile

Egitto: Morsi non cede sulla riforma costituzionale


Egitto: Morsi non cede sulla riforma costituzionale
07/12/2012, 09:43

EL CAIRO - Il presidente Mohammed Morsi non cede sulla riforma costituzionale ma è pronto a discutere con l’opposizione, compresi “i giovani della rivoluzione” perché “solo il dialogo può risolvere i problemi”.

 Ma il referendum si terrà “nei tempi previsti”, cioè sabato 15. E se l’attuale bozza, che gli dà enormi poteri, “sarà respinta”, è pronto a indire un’assemblea costituente per riscriverla.

Nel frattempo Morsi ha avuto un colloquio telefonico con il presidente americano Obama, quest’ultimo,  ha espresso la propria preoccupazione per i morti e i feriti nelle manifestazioni degli ultimi giorni.

"Tutti i leader politici egiziani devono chiarire ai loro sostenitori che la violenza è inaccettabile", ha sottolineato Obama, che ha accolto positivamente la richiesta di dialogo di Morsi all'opposizione, mettendo in evidenza però che per ambedue le parti il dialogo deve avvenire senza precondizioni.

Obama ha ribadito che gli Stati Uniti continuano ad appoggiare il popolo egiziano e la sua transizione verso una democrazia che rispetti i diritti degli egiziani.

"E' essenziale - ha detto il presidente Usa - che i leader egiziani accantonino le differenze e si accordino su una strada che consenta all'Egitto di andare avanti".

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©