Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Dopo la strage continuano le proteste

Egitto: nuove barricate pro-Morsi Al Cairo e ad Alessandria

Sono oltre 4500 i morti tra i manifestanti

Egitto: nuove barricate pro-Morsi Al Cairo e ad Alessandria
15/08/2013, 15:20

IL CAIRO - Dopo la strage di manifestanti, una vera e propria ecatombe costata alla vita ad oltre 4500 persone, mentre il governo minimizza parlando di oltre 4000 feriti e circa 300 morti, tornano in strada i fratelli musulmani. In 3000, secondo le fonti locali, hanno eretto nuove barricate a Ebeid Street, non molto distante da piazza Rabaa, davanti alla moschea di al Iman al Cairo. Allo stesso tempo, dimostranti pro-Morsi si stanno radunando anche ad Alessandria d'Egitto. I manifestanti hanno organizzato un corteo lungo una delle arterie principali della città, con i ritratti di Morsi e scandiscono slogan contro le Forze armate e il ministro dell'Interno. La situazione è incandescente e si rischia una nuova carneficina se l'esercito dovesse avere l'ordine di aprire il fuoco. La situazione viene monitorata dalle Nazioni Unite che sta valutando la possibiltà di intervenire.

AGGIORNAMENTO DELLE 18.20

Scontri sono scoppiati tra dimostranti pro-Morsi e polizia ad Alessandria d'Egitto. Lo riferiscono fonti sul posto, precisando che si possono sentire colpi d'arma da fuoco.
Il ministero dell'Interno ha autorizzato polizia e militari a sparare contro chiunque tenti di attaccare le forze di sicurezza o siti strategici. Lo afferma un comunicato del dicastero citato dalla tv di Stato.

 

 


 

Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©