Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

L'uomo era scappato dall'Egitto oltre 20 anni fa

Egitto: "Preso il capo di Al Qaeda". Ma è un errore di persona


Egitto: 'Preso il capo di Al Qaeda'. Ma è un errore di persona
29/02/2012, 14:02

IL CAIRO (EGITTO) - Un uomo è stato arrestato, su indicazione degli Stati Uniti, dalle forze di sicurezza egiziane al Cairo, appena sceso dall'aereo. Ed inizialmente era stato diffuso un comunicato nel quale si diceva che l'arrestato era Seif Al-Adi, considerato il numero 3 di Al Qaeda. Ma poco dopo si è diffusa la smentita: si tratta di Muhamad Ibrahim Mekkawi, un egiziano che è scappato dal Paese nel 1994, in quanto faceva parte di una organizzazione accusata di agire contro l'ex Presidente Moubarak all'inizio degli anni '90.
L'uomo è stato portato in Procura per essere interrogato, ma avrebbe negato di far parte di Al Qaeda, anche se ha ammesso di averne fatto parte, dato che collaborò con i talebani a combattere i russi che avevano invaso l'Afghanistan. Ma ha poi lasciato l'organizzazione nel 1989, non condividendo gli obiettivi dei suoi leader. Ha anche negato, come sostengono gli Usa, di aver partecipato agli attentati alle ambasciate Usa in Kenya e Tanzania nel 1998.
Una storia simile a quella di Seif Al-Adi, che però ha partecipato all'omicidio di Anwar al-Sadat nel 1981, quando è uscito dal proprio Paese, ha raggiunto l'Afghanistan e ha combattuto con Al Qaeda contro i russi. Forse proprio questa somiglianza tra le due viende ha ingenerato la confusione tra i due personaggi.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©