Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Manca solo 1 settimana alle prime elezioni del dopo Mubarak

Egitto: torna piazza Tahrir, 18 manifestanti uccisi dalla Polizia



Egitto: torna piazza Tahrir, 18 manifestanti uccisi dalla Polizia
21/11/2011, 09:11

IL CAIRO (EGITTO) - E' stato un fine settimana di fuoco in Egitto, iniziato dopo il venerdì di preghiera. Si sono radunati molti manifestanti a piazza Tahrir, per protestare contro l'invadenza dell'esercito, in prossimità delle elezioni che si svolgeranno lunedì 28 novembre. Elezioni che sono le prime del dopo Mubarak. Finora a guidare il Paese è stato di fatto l'esercito; e secondo molti, i vertici dello stesso stanno cercando di rinviare il voto, in modo da mantenere il potere.
Ma la reazione delle forze dell'ordine è stata estremamente violenta. Secondo fonti ufficiali ci sono stati 11 morti (ma fonti mediche dicono 18) mentre i feriti sono centinaia. E non solo al Cairo, perchè manifestazioni ci sono state anche a Suez, nel SInai e in altre località. Ci è voluto l'intervento dell'imam della moschea che affaccia sulla piazza per raggiungere un cessate il fuoco.
Ma la tregua non sembra reggere: ancora questa mattina la piazza si sta riempendo nuovamente e già ai primi raggruppamenti la Polizia ha sparato diversi candelotti lacrimogeni.
Intanto va il giro del mondo un video shock, girato da uno dei palazzi che affacciano su piazza Tahrir. SI vede un poliziotto che afferra un cadavere per un braccio e lo trascina in mezzo alla spazzatura, tra l'indifferenza generale degli altri poliziotti, nessuno dei quali si preoccupa di chiamare una ambulanza.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©