Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Egitto, vertice tra presidente Morsi, premier e ministri

Sette morti e decine di feriti

Egitto, vertice tra presidente Morsi, premier e ministri
06/12/2012, 15:25

Aggiornamento ore 15.25

IL CAIRO - E’ stato annunciato un discorso da parte del presidente Mohamed Morsi, che ha avuto un incontro con il premier Hisham Qandil e i ministri della Difesa, Interno, Giustizia, Informazione e il capo dell’intelligence e il comandante della guardia repubblicana. Quest’ultima ha ordinato l’abbandono della piazza da parte dei manifestanti. Intanto sono arrivate le dimissioni del presidente della tv di Stato egiziana, Essam el Amir, per protestare contro “la gestione del Paese”.


IL CAIRO - Nuove tensioni in Egitto, dove tre carri armati e due blindati si sono posizionati dinanzi al Palazzo Presidenziale, nel centro del Cairo. E’ la conseguenza alle proteste di piazza contro il presidente della Repubblica egiziano Mohamed Morsi. Al momento sarebbero cinque i morti, e decine di feriti, dopo gli scontri avvenuti con sassaiole, molotov e colpi di arma da fuoco. Le proteste sono iniziate quando i sostenitori del presidente hanno iniziato a danneggiare le tende messe su dai contestatori, i quali a loro volta non condividono l’emanazione del decreto da parte di Morsi, il quale ha evocato a sé poteri assoluti e l’annullamento dello stop del referendum del 15 dicembre sulla Costituzione.  “Morsi è responsabile degli scontri e rischia di annullare la sua legittimità nel sangue”, afferma Mohammed el Baradei, uno dei leader dell’opposizione. E’ intervenuto anche il premier Hisham Qandil, che ha invitato alla calma “per dare una chance agli sforzi in corso per iniziare un dialogo di riconciliazione nazionale”.

 

Commenta Stampa
di Maria Grazia Romano
Riproduzione riservata ©