Dal mondo / Estremo Oriente

Commenta Stampa

La Commissione elettorale ha ufficializzato la vittoria

Elezioni in Myanmar, San Suu Kyi: "La gente è cambiata"

San Suu Kyi: "Ci sono state intimidazioni, ma voto equo"

Elezioni in Myanmar, San Suu Kyi: 'La gente è cambiata'
10/11/2015, 12:00

NAYPYIDAW (MYANMAR) - Il premio Nobel par la Pace Aung San Suu Kyi, intervistata dalla Bbc, in seguito alla vittoria elettorale di ieri, ha confermato che il suo partito, la Lega Nazionale per la democrazia, ha ottenuto circa il 75% dei seggi in Parlamento e ha dichiarato: "I tempi sono cambiati, la gente è cambiata".

La leader del partito di opposizione birmano ha commentato: "Trovo che la gente adesso sia molto più politicizzata, non solo rispetto al 1990 ma anche rispetto al 2012". Il premio Nobel per la Pace, infatti, si dice convinta che la giunta militare rispetterà il risultato delle elezioni presidenziali e spiega: "La gente è molto più vigile rispetto a ciò che succede, c'è la rivoluzione della comunicazione, che ha fatto una differenza enorme: tutti vanno sulla Rete e informano tutti gli altri su quello che succede. Quindi è molto più difficile per coloro che vogliono commettere irregolarità farla franca". San Suu Kyi, poi , ha anche ammesso che ci sono state intimidazioni durante il voto, ma ha chiarito che le elezioni sono state ugualmente "eque e fondamentalmente libere". Infatti, a causa del ritardo nell'ufficializzazione dei risultati da parte della Commissione elettorale e temendo che questa volesse falsare i risultati dello spoglio, sono stati proprio i rappresentanti della Lega Nazionale per la democrazia a comunicare per primi già nel pomeriggio di ieri i risultati a loro noti. Al momento, la Commissione elettorale ha confermato che il partito d'opposizione birmano ha ottenuto 78 degli 88 seggi fino ad ora assegnati, su un totale di 440 della Camera bassa. Il presidente uscente, Thein Sein, alla guida del Partito di unione, solidarietà e sviluppo, ha già ammesso la propria sconfitta.

Anche gli osservatori elettorali dell'Unione europea hanno ammesso che il voto si è svolto regolarmente. "Il voto si è svolto meglio di come molti si aspettavano. Il Paese ha fatto molta strada, ma un processo di maggiori riforme è necessario per garantire elezioni veramente genuine in futuro", ha detto il capo team degli osservatori, Alexander Graf Lambsdorff.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©