Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

L'Akp al 51,3%, opposizione avanti: seggi risicati

Elezioni in Turchia, vince Erdogan ma di misura


Elezioni in Turchia, vince Erdogan ma di misura
12/06/2011, 20:06

Si prospetta una vittoria di misura, per il premier turco Tayyip Erdogan: con il 75% delle schede scrutinate, il suo partito, l'Akp, ottiene il 51,3% delle preferenze. Lo riferisce la tv Cnnturk. Ma l'obiettivo di Erdogan di imporre riforme costituzionali senza referendum non sembra raggiunto per l'ingresso in Parlamento dei nazionalisti dell'Mhp (al 13,4%), che vi si sono sempre opposti. Bene il centrosinistra di Chp al 24,7%.
Il Parlamento turco cambia considerevolmente rispetto alle prime proiezioni. Al 75% delle schede scrutinate l'Akp, l'islamico-moderato Partito per la Giustizia e lo Sviluppo guidato dal premier Recep Tayyip Erdogan, conquista il 51,3% dei voti ma l'avanzata dell'opposizione gli strappa il numero di seggi necessari (330) per portare avanti da solo le riforme costituzionali. Così con solo 328 deputati (il suo minimo storico) ha sempre bisogno dell'appoggio di altre forze politiche. A penalizzare Erdogan è dunque l'aumento dell'opposizione nell'acquisizione dei seggi:  il Chp, il Partito repubblicano del Popolo, che è è al 24,7%, con 135 seggi, potrebbe ostacolare l'esecutivo. Ottima la prova del Mhp, il Partito nazionalista, che tiene sul 13,4% nonostante lo scandalo sessuale che lo ha travolto e ha al momento 57 seggi. Gli indipendenti sono al momento a 31 seggi.

Di certo per il momento si sa che in parlamento entrerà la passionaria della causa curda Leyla Zana, che a Diyarbakir avrebbe fatto il pieno di preferenze.

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©